I dati Bitcoin rivelano che l’inflazione sta sfuggendo di mano in Argentina

L’Argentina sta vivendo livelli di inflazione estremamente elevati, con il valore del suo denaro in calo del 50%.

Il prezzo in pesos della Bitcoin

Il prezzo in pesos della Bitcoin dà vita a questa realtà, con dati peer to peer che mostrano che gli argentini stanno pagando sempre più soldi per il bene, ma non ne ricevono sempre di più.

Circa 70 milioni di pesos sono stati spesi in bitcoin la scorsa settimana, ma hanno ricevuto meno monete di quando hanno speso 40 milioni di pesos e solo in aprile.

All’epoca il prezzo del Bitcoin Era di circa il 25% più basso a 7.000 dollari rispetto agli attuali 9.400 dollari, ma il valore dei pesos è apparentemente sceso del 75% o anche di più.

I 67 bitcoin acquistati in aprile valgono mezzo milione di dollari al prezzo di 7.000 dollari. I 59 bitcoin acquistati la scorsa settimana valgono 550.000 dollari al prezzo attuale, con un aumento del 10% dei costi in dollari, ma un aumento del 50% circa dei pesos.

Quanto sopra è corroborato da dati ufficiali che mostrano che l’inflazione in Argentina si aggira intorno al 50%-40% al mese anno su anno.

Il PIL in quel paese si è contratto per due anni in ogni trimestre, mentre il prestito di denaro in pesos non è solo costoso, ma anche molto punitivo con l’80% all’anno solo il mese scorso.

Molti argentini potrebbero quindi sfuggire al bitcoin, con i volumi peer to peer di cui sopra che sono solo indicativi, dato che l’Argentina ha molte comode borse di scambio istantanee e diversi bancomat bitcoin.

„Una valuta volatile crittografica può salire o scendere. Una valuta con un’inflazione annuale del 2000% può solo scendere“, dice un argentino a proposito dei suggerimenti che non sfuggirebbero al bitcoin perché è volatile.

La volatilità del bitcoin dipende dalla domanda e dall’offerta, e l’unità stessa è immutabile

Mentre per quanto riguarda i fiat money argentini, possono aumentare l’offerta di denaro del 40% o dimezzarla, e tutto questo in poche settimane.

Questo sta accadendo a livello globale, anche se non proprio nella stessa misura o con gli stessi effetti, ma l’offerta di denaro sta aumentando a tassi preoccupanti.

Questo ha un effetto zuccherino perché per un breve periodo si può comprare di più di qualcosa in quanto si ha più denaro nuovo, pur pagando lo stesso prezzo di prima.

Questo fino a quando i prezzi non reagiscono al nuovo contesto della domanda e dell’offerta, con il banchiere che ha causato l’inflazione, portando poi ad una contrazione dell’offerta monetaria, che di nuovo richiederebbe tempo per l’adeguamento dei prezzi al nuovo contesto della domanda e dell’offerta.

Creando così il ciclo del boom e del busto. Inondare il mercato di denaro, tutti si sentono bene perché il mercato non si è ancora adeguato alla falsità, e una volta che si adegua l’inflazione va fuori controllo, così la gente implora di bruciare efficacemente il denaro fino al punto in cui i tassi di interesse raggiungono l’80%.

Dieser Beitrag wurde unter Bitcoin veröffentlicht. Setze ein Lesezeichen auf den Permalink.